Pensieri in libertà

Una persona in gamba.

Da tempo immemore ricordo di essere stata considerata una persona in gamba.

Sei una bambina in gamba, mi dicevano a scuola.

Sei una ragazza in gamba, mi ripetevano quando davo soluzioni a problemi e situazioni, qualche anno più tardi.

Mi sono sempre sentita oppressa. Come se tutti avessero la certezza che, trovandosi dinanzi a me, trovassero la perfezione.

Le persone pretendono il massimo da me, ed io mi sento quasi in dovere di non deluderli.

A chi? A loro. 

Perché, in fondo, a me non importa davvero di dare sempre il meglio. È per loro che lo faccio.

Temo il giudizio della gente, detesto sentirmi dire che ho deluso qualcuno.

E così mi stresso, mi consumo fino a quando non divento il massimo.

Mi sento in dovere di essere sempre il massimo. 

So che è umano sbagliare o non essere al cento percento, ogni tanto, ma è una sfida con me stessa.

Ed io amo le sfide!

(Quanto sono lunatica e bipolare, non trovate?)

                         La ragazza in gamba.


Annunci

4 thoughts on “Una persona in gamba.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...